Aspiratore con o senza sacchetto: vi aiutiamo a scegliere

Pubblicato il 16 marzo 2022 

Dopo aver passato 38 ore a confrontare fino a 55 prodotti, ecco i nostri consigli su quale tipo di aspirapolvere (con o senza sacchetto) si adatta meglio alle tue esigenze.

 

L’aspirapolvere con sacchetto, ideale per chi soffre di allergie

PUNTI BUONI
  • Ideale per chi soffre di allergie
  • Facile manutenzione
  • Di solito hanno una capacità maggiore
  • Meno rumore
  • Affidabile e durevole nel tempo
PUNTI NEGATIVI
  • Acquisto e smaltimento dei sacchi

Il classico aspirapolvere a sacco è tutt’altro che un’opzione di pulizia antiquata oggi. La borsa, spesso foderata con un sistema di filtraggio dell’aria, permette d´immagazzinare polvere e sporco in modo perfettamente igienico. Grazie al sistema di chiusura, una volta che il sacchetto è pieno, si evita qualsiasi contatto con la polvere.

Un altro vantaggio è che questo tipo di dispositivo è più discreto nel funzionamento, poiché la borsa stessa funge da isolante acustico.

D’altra parte, va notato che, mentre la potenza di questi dispositivi è di solito perfettamente efficace, può tendere a diventare un po’ meno efficiente man mano che la borsa si riempie. Il costo dei sacchetti di sostituzione e il loro impatto ambientale dovrebbero essere presi in considerazione.

 

L’aspirapolvere senza sacco, un’opzione economica

PUNTI BUONI
  • Aspirazione più costante
  • Soluzione più economica ed ecologica
PUNTI NEGATIVI
  • Pulizia più difficile e frequente
  • Più rumoroso

Grazie alla sua tecnologia (multi)ciclonica, che separa l’aria dalla polvere e dai detriti, rinforzata nella maggior parte dei casi da filtri HEPA, l’aspirapolvere senza sacco gode di un’efficienza spaventosa e di una qualità di aspirazione costante.

Anche se non richiede l’acquisto di materiali di consumo e quindi non genera rifiuti aggiuntivi, la sua manutenzione è più impegnativa a causa del contatto diretto con lo sporco immagazzinato. Inoltre, data la capacità spesso minore del raccoglitore di polvere, lo svuotamento deve essere fatto più regolarmente che con un modello a sacco (questo potrebbe scoraggiare i proprietari di animali domestici, per esempio).

Inoltre, il funzionamento di questo tipo di aspirapolvere è più rumoroso. Tuttavia, non c’è dubbio che il suo design è molto più elaborato.

 

In conclusione

Alla fine, le due principali differenze tra le due macchine sono in termini di pulizia e di livello di rumore durante il funzionamento.

Mentre l’aspirapolvere con sacco richiede molta meno manutenzione regolare, nessun contatto diretto con la polvere (perfetto per chi soffre di allergie) e una migliore insonorizzazione, la versione senza sacco è attraente per il suo limitato impatto ecologico e per il fatto che non devi comprare sacchetti.

Lascia un commento