Il Miglior Robot Aspirapolvere

Aggiornato il 21 aprile 2020

Dopo diverse ore di ricerca e un esame dettagliato di una ventina di modelli, abbiamo selezionato i 6 migliori aspirapolvere robot attualmente disponibili sul mercato. Tra di essi, si distingue il RoboVac 11S di Eufy, sorprendentemente efficiente dal prezzo davvero conveniente. Compatto, si intrufola facilmente sotto i mobili bassi ed è in grado di adattare automaticamente la potenza di aspirazione alla superficie su cui si muove. Inoltre, offre cinque modalità e tre intensità di aspirazione. È anche, e soprattutto, l’aspirapolvere robot più silenzioso della nostra selezione.

 

La nostra scelta, Migliore soluzione economica

Eufy RoboVac 11S

Compatto e silenzioso, questo aspirapolvere robot offre una bella autonomia di quasi 2 ore e si adatta facilmente alle vostre esigenze grazie ai suoi cinque programmi e tre intensità di aspirazione.

Nonostante l’assenza di telemetria laser, questo aspirapolvere robot può vantare buone prestazioni su pavimenti duri e un’efficace gestione degli ostacoli, purché siano abbastanza grandi da essere rilevati dai suoi sensori. Le sue funzionalità sono basilari ma offre comunque, oltre alla tecnologia BoostIQ che adatta la potenza di aspirazione alla superficie rilevata, anche la programmazione a tempo e il ritorno automatico alla stazione di ricarica.

 

Migliore della fascia media

Xiaomi Roborock S50

Controllabile a distanza tramite smartphone, questo aspirapolvere robot procede in modo metodico e dispone di una funzione supplementare di lavaggio ad acqua per pulire nel modo più efficiente possibile.

Il Roborock S50 è un pratico dispositivo per la manutenzione quotidiana della casa, soprattutto grazie alle sue buone prestazioni su pavimenti duri e tappeti pregiati e alla possibilità di lavare i pavimenti con acqua. L’applicazione Mi Home offre una vasta gamma di impostazioni remote, una volta collegata al robot. La scheda “Manutenzione” consente inoltre di mantenere meglio l’apparecchio segnalando il momento più opportuno per cambiare i filtri o le spazzole.

 

Migliore della fascia alta

iRobot Roomba i7+

Questo aspirapolvere robot interconnesso è dotato di una serie di caratteristiche che aumentano notevolmente il comfort di utilizzo, tra cui un sistema di svuotamento automatico sulla sua base, ideale per chi soffre di allergie.

Il Roomba i7+ unisce la comodità di un aspirapolvere robot, con una cartografia ben progettata che consente una pulizia metodica degli interni, all’igiene di un aspirapolvere senza sacco, grazie a un allarme serbatoio pieno che fa ritornare automaticamente il dispositivo alla sua base. Quest’ultima è a sua volta dotata di un sacchetto per raccogliere la polvere e poi rispedire l’aspirapolvere a riprendere il suo lavoro nel punto in cui l’aveva interrotto. L’applicazione dedicata consente, in modo molto semplice, la gestione remota delle diverse impostazioni e programmazioni.

 

Alternativa economica

Ecovacs Deebot N79S

Programmabile tramite smartphone, questo aspirapolvere robot procede in modo casuale, senza mappatura, ma gestisce l'ambiente piuttosto bene ed è dotato di paraurti flessibili per assorbire eventuali urti.

Grazie al un’altezza ridotta di soli 7,8 cm, il Deebot N79S si infila facilmente anche sotto i mobili più bassi e può essere regolato secondo quattro diverse modalità per soddisfare al meglio le vostre esigenze. La sua navigazione casuale non è perfetta, ma la gestione degli ostacoli è piuttosto buona, così come la rispettabile autonomia di 100 minuti dopo i quali il dispositivo torna automaticamente alla sua postazione per ricaricarsi. I meno tecnofili apprezzano la presenza di un telecomando, che consente una facile gestione di diverse impostazioni, anche senza smartphone.

 

Alternativa di fascia media

iRobot Roomba 960

Meno tecnologico rispetto ad alcuni modelli più recenti, il Roomba 960 resta una scommessa sicura nel campo degli aspirapolvere robot, con buone prestazioni complessive e un'applicazione smartphone di qualità.

Semplice ma efficace, il Rooma 960 ha due spazzole a rullo in gomma di facile manutenzione. Facilmente programmabile grazie all’applicazione iRobot Home, questo potente aspirapolvere robot è dotato della tecnologia DirtDetect per ripulire le aree più sporche. È anche in grado di riprendere il lavoro dove lo aveva interrotto prima di ricaricarsi, il che compensa l’autonomia piuttosto limitata di 75 minuti.

 

Alternativa di fascia alta

Neato Robotics Botvac D7 Connected

Con la sua forma a D meno tradizionale, questo aspirapolvere robot vanta buone prestazioni ed è dotato di un sistema di navigazione altamente sofisticato che gli consente di gestire efficacemente il suo ambiente di lavoro.

Il Botvac D7 è controllato esclusivamente tramite smartphone, ma rimane accessibile a tutti grazie a un’applicazione molto intuitiva e facile da usare. Quest’ultima permette di selezionare una modalità di navigazione e un’intensità di aspirazione, ma anche di impostare una serie di No Go Lands (aree da non pulire), di determinare degli orari di pulizia precisi e di consultare i riepiloghi dei cicli già effettuati. Il suo collettore da 0,7 L e la sua autonomia di 90 minuti costituiscono dei punti di forza significativi.

 

La nostra selezione

La nostra scelta, Migliore soluzione economicaMigliore della fascia mediaMigliore della fascia altaAlternativa economicaAlternativa di fascia mediaAlternativa di fascia alta
Eufy RoboVac 11SXiaomi Roborock S50iRobot Roomba i7+Ecovacs Deebot N79SiRobot Roomba 960Neato Robotics Botvac D7 Connected
Eufy RoboVac 11SXiaomi Roborock S50iRobot Roomba i7+Ecovacs Deebot N79SiRobot Roomba 960Neato Robotics Botvac D7 Connected
Compatto e silenzioso, questo aspirapolvere robot offre una bella autonomia di quasi 2 ore e si adatta facilmente alle vostre esigenze grazie ai suoi cinque programmi e tre intensità di aspirazione.Controllabile a distanza tramite smartphone, questo aspirapolvere robot procede in modo metodico e dispone di una funzione supplementare di lavaggio ad acqua per pulire nel modo più efficiente possibile.Questo aspirapolvere robot interconnesso è dotato di una serie di caratteristiche che aumentano notevolmente il comfort di utilizzo, tra cui un sistema di svuotamento automatico sulla sua base, ideale per chi soffre di allergie.Programmabile tramite smartphone, questo aspirapolvere robot procede in modo casuale, senza mappatura, ma gestisce l'ambiente piuttosto bene ed è dotato di paraurti flessibili per assorbire eventuali urti.Meno tecnologico rispetto ad alcuni modelli più recenti, il Roomba 960 resta una scommessa sicura nel campo degli aspirapolvere robot, con buone prestazioni complessive e un'applicazione smartphone di qualità.Con la sua forma a D meno tradizionale, questo aspirapolvere robot vanta buone prestazioni ed è dotato di un sistema di navigazione altamente sofisticato che gli consente di gestire efficacemente il suo ambiente di lavoro.

 

Su quali criteri si è basata la nostra scelta?

Grazie ai progressi tecnologici degli ultimi anni, esistono oggi sul mercato molti modelli di aspirapolvere robotizzati, appartenenti a tutte le fasce di prezzo, tra i quali tuttavia non è facile scegliere. 

Per semplificarvi il compito, abbiamo pensato che fosse importante distinguere i tre sistemi di navigazione esistenti:

  • Il sistema di navigazione casuale: gli aspirapolvere robot privi di intelligenza artificiale operano con programmi prestabiliti che dovrebbero coprire l’intera stanza. Spesso sono dotati di sistema di rilevamento degli ostacoli, ma è puramente contestuale: non ne memorizzano la posizione. In realtà, è in questo modo che l’aspirapolvere cambia direzione. Pertanto, è probabile che il robot passi più volte sullo stesso punto prima di aver coperto l’intera superficie della stanza.
  • Il sistema di navigazione tramite fotocamera: un aspirapolvere con fotocamera utilizza un software di interpretazione visiva per creare una mappa 3D a partire dall’immagine raccolta. Questa tecnologia rappresenta un netto progresso rispetto al girovagare dei modelli precedenti, ma non è priva di difetti. Questa interpretazione è, ovviamente, imperfetta e spesso richiede un certo livello di luminosità nella stanza. Inoltre, alcuni ostacoli minori sfuggono letteralmente al radar.
  • Il sistema di navigazione tramite telemetria laser: importata direttamente dal settore edile e militare, la tecnologia laser è ad oggi di gran lunga la più efficiente. Grazie ad una scansione laser di ciò che gli si trova davanti, l’aspirapolvere identifica tutti i rilievi e gli ostacoli. Se l’intelligenza artificiale è all’altezza, può anche memorizzare la mappa e imparare il percorso perfetto per ogni stanza.

Vi sono poi altri criteri da considerare:

  • I sensori: in aggiunta al sistema di navigazione, un buon aspirapolvere robot deve essere dotato soprattutto di buoni sensori, per gestire eventuali ostacoli ma anche il vuoto. Ciò aiuta a proteggere i mobili da possibili collisioni e il vostro dispositivo da eventuali cadute dalle scale.
  • L’efficienza di aspirazione: è importante verificare attentamente quali tipi di pavimento è in grado di trattare. Se la stragrande maggioranza riesce a rimuovere bene la polvere da piastrelle, parquet e vinile, non è necessariamente altrettanto efficiente su una moquette o un tappeto. È bene sapere che alcuni tappeti a frange possono impigliarsi nelle spazzole per la pulizia, proprio come i cavi degli elettrodomestici.
  • Il serbatoio e il sistema di filtraggio: l’aspirapolvere robot è un modello senza sacco. È dotato di un serbatoio da svuotare manualmente e le cui dimensioni sono molto inferiori rispetto ad altri modelli di aspirapolvere. La manipolazione deve quindi essere semplice, poiché dovrà essere ripetuta frequentemente. La filtrazione, d’altra parte, è importante per garantire un basso rilascio di polvere nell’aria, specialmente se si è soggetti ad allergie o si hanno animali domestici che perdono il pelo.
  • Le dimensioni: mentre è generalmente consigliabile rimuovere tutti gli oggetti che possano ostacolare il robot, si dovrebbe anche verificare che sia in grado di passare sotto i mobili o tra le gambe delle sedie, se si vuole evitare di doverli sollevare prima di ogni passaggio. Verificate quindi l’altezza e il diametro del dispositivo prima di effettuare l’acquisto. 
  • L’autonomia e la carica: poiché funzionano senza fili, è importante che l’autonomia corrisponda il più possibile all’area da pulire. Nella stessa ottica, è preferibile che il tempo di ricarica non sia troppo lungo.

Per quanto riguarda le funzionalità, i produttori propongono molte opzioni che spesso presentano come rivoluzionarie. Ma quali sono quelle davvero utili? Ne abbiamo individuate quattro: 

  • RTH o Return to Home:  in caso di esaurimento della batteria, l’aspirapolvere ritorna in sicurezza alla sua base e si occupa di ricaricarsi da solo (contrariamente ai modelli che devono essere collegati manualmente). Questa è oggi una caratteristica abbastanza di serie, che ritroviamo su molti modelli. Ciò che può fare la differenza è se l’apparecchio è in grado di riprendere il ciclo di pulizia nel punto in cui lo aveva interrotto, in modo da non perdere tempo a tornare dove era già passato in precedenza.
  • DNE ou Do Not Enter: materializzata sotto forma di un cavo fisico o di un’opzione di programmazione (parete virtuale), questa opzione permette di vietare al vostro aspirapolvere di entrare in una particolare area in cui si trovino molti ostacoli fragili o cavi elettrici, ad esempio.
  • Programmazione anticipata: molti aspirapolvere robot offrono la possibilità di programmare i cicli di pulizia a orari prestabiliti (ad esempio, quando non siete in casa, perché il robot abbia il campo libero). 
  • Connettività: su alcuni aspirapolvere robot, le opzioni sono accessibili sull’alloggiamento stesso. Su altri, più recenti, i produttori hanno scelto di migrare queste opzioni verso una più comoda applicazione per smartphone. Gli svantaggi si possono trovare nella connessione Wi-Fi, che può essere capricciosa o non coprire l’intero spazio della casa. Prestate attenzione anche alla compatibilità dell’applicazione con Android o iOS.

Sulla base di queste caratteristiche, ma anche di test in situazione condotti da specialisti del settore e delle considerazioni degli utenti dopo un utilizzo sul lungo termine, abbiamo potuto selezionare i 6 aspiratori robotizzati seguenti come i più interessanti del momento.

Lascia un commento

Available for Amazon Prime