Il Miglior Dentifricio Sbiancante

Pubblicato il 24 giugno 2022

Dopo aver analizzato non meno di 30 prodotti attualmente in voga per 11 ore e averne testati assiduamente 8, è il Schmidt’s Activated Charcoal che si aggiudica il primo posto in questa selezione.

Questo comparativo è certificato al 100% imparziale e segue il nostro processo di selezione

La nostra scelta, Meglio di fascia media

Schmidt’s Activated Charcoal (133 g)

La sua formula naturale arricchita con carbone attivo combatte efficacemente la formazione di tartaro e placca, sbiancando leggermente i denti. Il suo fresco aroma di menta e la sua composizione clean sono particolarmente attraenti.

Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti

Pulisce e rinfresca la bocca e sbianca sottilmente i denti grazie alla presenza di carbone attivo nella sua formula. Contiene inoltre vitamine ed estratti vegetali adatti ai denti sensibili – ed è privo di fluoro. Il suo colore grigio, anche se sorprendente a prima vista, lascia comunque un gusto fresco grazie alla presenza dell’aroma naturale di menta. Anche se la consistenza non è molto schiumosa, i nostri test hanno rivelato che è facile e piacevole da usare. Il piccolo extra? Il tubo, dotato di una grande capacità.

 

 

Meglio economico

Jäson PowerSmile (170 g)

Con il suo prezzo contenuto, il suo gusto fresco di menta e il suo notevole effetto sbiancante, questo dentifricio ha tutte le carte in regola per piacere. Piacevole da usare perché fa una buona schiuma ed è adatto a denti e gengive sensibili.

Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti

Il PowerSmile previene la placca e il tartaro e sbianca i denti grazie agli estratti di agenti naturali come la polvere di bambù, il carbonato di calcio e il bicarbonato di sodio. Il suo sapore di menta, derivato dall’olio essenziale, è abbastanza presente in bocca – ma non è stato il più rinfrescante nei nostri test. Tuttavia, ha un grande potere schiumogeno. Di nuovo, è formulato senza fluoro (a differenza della versione in gel) e ha una composizione impeccabile, certificata cruelty-free.

 

Meglio di fascia alta

Melvita White Teeth (75 ml)

Ricco di principi attivi purificanti e sbiancanti, assicura una buona igiene orale e rafforza la luminosità dei denti, che rende bianchissimi. Il suo gusto di menta e la sua composizione biologica certificata sono innegabilmente accattivanti.

Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti

Sebbene il suo prezzo sia a prima vista meno attraente, motivo per cui alcuni lo usano in alternanza con un altro dentifricio, il Melvita White Teeth è interessante non solo per la sua composizione biologica, certificata da Ecocert, ma anche per la sua efficacia nel rendere i denti lisci e brillanti. Contiene sale di Guérande, bicarbonato e carbonato di calcio, principi attivi purificanti con proprietà sbiancanti. I nostri test hanno confermato che il suo gusto, malgrado sia leggermente salato, rimane piacevole e fresco grazie agli estratti di menta.

 

La nostra selezione

La nostra scelta, Meglio di fascia mediaMeglio economicoMeglio di fascia alta
Schmidt’s Activated CharcoalJason PowerSmileMelvita Dents Blanches
Schmidt’s
(133 g)
Jäson PowerSmile
(170 g)
Melvita White Teeth
(75 ml)
La sua formula naturale arricchita con carbone attivo combatte efficacemente la formazione di tartaro e placca, sbiancando leggermente i denti. Il suo fresco aroma di menta e la sua composizione clean sono particolarmente attraenti.Con il suo prezzo contenuto, il suo gusto fresco di menta e il suo notevole effetto sbiancante, questo dentifricio ha tutte le carte in regola per piacere. Piacevole da usare perché fa una buona schiuma ed è adatto a denti e gengive sensibili.Ricco di principi attivi purificanti e sbiancanti, questo dentifricio assicura una buona igiene orale e rafforza la luminosità dei denti, che rende bianchissimi. Il suo gusto di menta e la sua composizione biologica certificata sono innegabilmente accattivanti.
Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti
Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti
Aspetta... Stiamo cercando il prezzo di questo prodotto su altri siti

 

Menzioni d’onore

Mentadent (1.97 € al momento della pubblicazione): da un marchio più classico. Questo dentifricio al carbone attivo promette denti più bianchi e puliti in sole due settimane. Anche se un’azione così rapida ci sembra un po’ esagerata, abbiamo apprezzato la sua consistenza cremosa e facile da usare e il suo gusto fresco. La sua schiuma molto (troppo?) generosa è dovuta alla presenza di SLS nella formula ma, a parte questo componente controverso, il dentifricio beneficia di una composizione piuttosto pulita e, soprattutto, di un prezzo molto interessante.

The Humble & Co Natural Toothpaste Charcoal (17.50 € al momento della pubblicazione): Interessante, ma non così fresco nel gusto. Durante i nostri test, siamo rimasti impressionati dal suo colore nero intenso, ma non possiamo dire lo stesso del suo sapore, che manca un po’ di freschezza rispetto ad altre opzioni di carbone. Tuttavia, la sua consistenza piuttosto densa ha un piacevole potere schiumogeno. Apprezziamo anche il fatto che sia pulito e che contenga fluoro, il che lo rende una soluzione da prendere in considerazione.

 

800+ Confronti
400+ Recensioni
100% Imparziale

Perché fidarsi di noi ?

Selectos confronta e testa centinaia di prodotti per aiutarvi a fare acquisti migliori. A volte riceviamo una commissione quando acquistate attraverso i nostri link, che contribuisce a finanziare il nostro lavoro. Saperne di più

 

Come scegliere il dentifricio sbiancante?

Se sognate di avere un sorriso hollywoodiano ma non volete andare dal dentista per un trattamento, potreste aver pensato di usare un dentifricio sbiancante. Sebbene sia raro aspettarsi che questo tipo di prodotto sia davvero miracoloso, spesso è in grado di rimuovere le macchie più visibili, rendendo i denti più bianchi e lisci.

Nessuno di questi è un prodotto miracoloso, ma può comunque rimuovere le macchie più visibili. | Fonte: Selectos

Ma l’uso di un dentifricio sbiancante non è privo di rischi e può essere più complesso di quanto sembri. Per scegliere un prodotto con cognizione di causa, è soprattutto la sua composizione che riteniamo essenziale considerare:

  • Agenti sbiancanti (o abrasivi): i più comuni sono il bicarbonato, la silice, il carbone attivo o il perossido d’idrogeno. Puliscono attivamente lo smalto dei denti, eliminando le macchie o lo scolorimento causato da alcuni alimenti. Questi principi attivi devono essere utilizzati con attenzione e parsimonia, poiché possono danneggiare il fragile smalto. Sebbene la maggior parte dei marchi offra prodotti sicuri da usare quotidianamente, è difficile scoprire l’effettivo contenuto di abrasivi nei dentifrici. Ecco perché alcuni esperti consigliano di utilizzare questo tipo di pasta solo una o due volte alla settimana.
  • Fluoro: un tempo raccomandato – talvolta anche sotto forma di complemento – per garantire un’igiene orale ottimale, il fluoro è oggi sempre più controverso. Secondo alcuni scienziati, la sua efficacia nel proteggere i denti è minima, mentre ingerirne una quantità eccessiva è tossico. Pertanto, mentre alcune persone la considerano ancora una parte essenziale della loro routine di cura dentale, altre preferiscono evitarla.
Il carbone attivo è un agente sbiancante. | Fonte: Selectos
  • Glicerina: spesso presente nei prodotti a composizione più naturale (e quindi generalmente di origine vegetale), combatte la proliferazione dei batteri e non presenta rischi per lo smalto. Tuttavia, in alcuni casi, può formare una sottile pellicola sulla parete del dente, ostacolando così il benefico contatto tra saliva e denti. Tuttavia, non è di per sé dannoso o tossico.
  • SLS: il laurilsolfato di sodio è spesso utilizzato nei prodotti cosmetici. È un tensioattivo che permette ai prodotti di fare schiuma e ha un forte potere detergente. Può essere molto irritante per le persone più sensibili e si dice che sia anche molto inquinante. Questo componente è spesso assente nei dentifrici biologici o semplicemente naturali, il che spiega perché in genere fanno poca schiuma.
  • Biossido di titanio: questo minerale conferisce al dentifricio il suo bel colore bianco, ma attualmente è fortemente criticato, soprattutto quando viene utilizzato nei cosmetici sotto forma di nanoparticelle. Questi ultimi hanno una maggiore probabilità di penetrare nell’organismo e sono considerati potenzialmente dannosi per il sistema endocrino, soprattutto in caso d’inalazione o ingestione (cosa tutt’altro che rassicurante nel caso del dentifricio). Si trova sotto la formula CI 77891.
È importante verificare la composizione. | Fonte: Selectos
  • Triclosan: si tratta di una sostanza chimica antibatterica sospettata di essere un interferente endocrino, il cui uso è inoltre strettamente regolamentato. La loro presenza diviene progressivamente più rara, ma assicuratevi d’informarvi e di evitarli il più possibile.

 

Traduzione di Ramsés El Hajje

Lascia un commento