Radiatore ad Inerzia Secca o Fluida: Vi Aiutiamo a Scegliere

Pubblicato il 12 aprile 2022 

Dopo aver passato 14 ore a confrontare 29 modelli per scrivere i nostri confronti, ecco i nostri consigli per aiutarvi a scegliere tra radiatori ad inerzia secca o fluida.

 

Il radiatore a inerzia secca, ideale per i salotti

Radiateur à inertie sèche

PUNTI BUONI
  • Buona resistenza all'invecchiamento
  • Bassa variazione di temperatura
  • Buon rilascio di calore nel tempo
PUNTI NEGATIVI
  • Soluzione generalmente fissa
  • Più costosa da acquistare
  • Aumento della temperatura più lento

Il nucleo di riscaldamento di un radiatore a inerzia secca è fatto di materiale refrattario. Può essere di metallo (ghisa o alluminio), ma è preferibile scegliere la pietra (mattone di ceramica, marmo, granito o pietra vulcanica), perché immagazzina meglio il calore.

Questo tipo di materiale ha una variazione di temperatura molto bassa. Ci vuole quindi un po’ più di tempo per riscaldarsi, ma rilascia anche il calore per un lungo periodo di tempo.

Questi radiatori hanno il vantaggio di essere molto resistenti con il passare del tempo, ma di solito sono più costosi da acquistare e più pesanti. È il tipo di apparecchio che di solito viene lasciato in una stanza senza essere spostato.

 

Il radiatore a inerzia fluida, interessante come soluzione di riserva

Radiateur à inertie fluide

PUNTI BUONI
  • Riscaldamento più veloce
  • Più facile da spostare
  • Più economico
PUNTI NEGATIVI
  • Meno durevole
  • Capacità di accumulo del calore meno buona
  • Utilizza un po' più di elettricità
  • Può fare un po' di rumore

I radiatori a inerzia fluida funzionano con un liquido di trasferimento di calore (acqua glicolata o olio vegetale o minerale), in cui si trova una resistenza. Questo si riscalda, mentre il liquido circola in un circuito chiuso. È un metodo di riscaldamento simile a quello di un sistema di riscaldamento centrale, ma senza la difficoltà dei collegamenti.

Con questo tipo di radiatore, il riscaldamento è più veloce. Questo lo rende interessante per le stanze che non sono riscaldate tutto il giorno, come i bagni (a condizione che sia protetto dall’umidità) o le camere da letto. È anche generalmente più facile da spostare perché ha ruote e una maniglia.

D’altra parte, anche se è meno costoso, è anche meno durevole a lungo termine, poiché possono verificarsi perdite di liquido.

 

In conclusione

I riscaldatori inerziali, sia a secco che a fluido, hanno il vantaggio di immagazzinare il calore e di continuare a rilasciarlo anche dopo lo spegnimento dell’apparecchio. Sono quindi entrambi preferibili ad altri sistemi di riscaldamento elettrico. Tuttavia, differiscono nella natura del loro nucleo di riscaldamento.

I riscaldatori ad inerzia secca sono più durevoli ma anche più pesanti e sono più adatti alle zone di vita principali. In una grande stanza, è preferibile installarne due a media potenza piuttosto che uno alla massima potenza. Meno costosi, i radiatori a inerzia fluida sono ideali per riscaldare rapidamente le camere da letto o i bagni.

Lascia un commento